Tipi di bonsai per il vostro giardino: coltivare con arte

31 Agosto 2019
I bonsai renderanno il vostro giardino uno spazio botanico interessante ed unico.

Rendere il vostro giardino un posto speciale è semplice grazie ai bonsai. Questi piccoli alberi di orgine giapponese rompono gli schemi e gli stereotipi attraverso nuove formule. In questo articolo, vi presentiamo alcuni tipi di bonsai per il vostro giardino.

Il termine bonsai deriva dal giapponese “bon” che significa vaso e “sai” che significa piantare. La tecnica bonsai, nata in Cina e modificata in Giappone applicando alla coltivazione delle piante i canoni dell’estetica Zen, è legata a quello che gli Orientali chiamano seishi: l’arte di dare una forma, di coltivare, il praticare le tecniche più svariate sempre nel rispetto della pianta.

Il bonsai può essere coltivato insieme alle altre piante tipiche da giardino come rose, piante aromatiche, siepi, erba. Vediamo allora i tipi di bonsai per il vostro giardino.

Pino silvestre e pino resinoso

Il pino silvestre, il cui nome scientifico è Pinus silvestris, è una specie con cui la forma di un bonsai può essere perfettamente lavorata. È possibile ottenere le seguenti caratteristiche:

  • Dimensioni ridotte: altezza 60 cm e larghezza del tronco 50 cm.
  • Può essere posizionato su una piattaforma, simulando la forma di un albero. Non crescerà più perché ha a disposizione poco spazio per le radici.
Bonsai pino silvestre

Si adatta molto bene ai giardini open space. Può essere posizionato su un tavolo da giardino o su una mensola per conferire la preminenza desiderata. Il vostro bonsai sarà il protagonista del giardino per che nutre un certo interesse botanico.

D’altra parte, c’è il pino resinoso, noto come Pinus pinaster. In termini di caratteristiche, è una specie simile alla precedente e offre un tocco decorativo molto interessante. Può essere combinato con il pino silvestre ed essere due specie insieme nello stesso spazio.

L’olmo piccolo dalle dimensioni ridotte

Questa specie, nota come Ulmus minor, non è troppo alta. Tuttavia, dona un tocco decorativo molto curioso al giardino: sarà come avere un albero in miniatura. Ecco le sue caratteristiche:

  • Per quanto riguarda l’altezza, può raggiungere i 20 centimetri.
  • Può essere ottenuto direttamente dai “bambini” nati dall’albero originale che si trova in natura.

In che modo va posizionato in giardino? Un modo molto interessante sarebbe creare una base da un tronco cilindrico alto circa 12 centimetri ottenuto da un albero segato e posizionare sopra il bonsai olmo.

– Forse, il bonsai è l’espressione dell’arte della vita.

-Pons Ferrer-

Tipi di bonsai per il vostro giardino: Quercus

Tra i tipi di bonsai, il Quercus pyrenaica, meglio noto come quercia. Può essere ottenuto seminando delle ghiande o prendendo alcuni piccoli esemplari già nati da una quercia. Dopo, non resta che seminarlo in un vaso e prendersene cura in modo che cresca come un albero normale.

Tipi di bonsai Bonsai Quercus

Il contributo estetico che il Quercus offre al giardino è di incomparabile bellezza. Le sue dimensioni non superano i 40 centimetri e risalterà molto se sceglierete di posizionarlo su una pedana di legno e in un giardino dall’estetica rustica. In questo modo denoterà un certo gusto per la botanica.

Un altro esemplare sarebbe il Quercus suber, noto anche come quercia da sughero. Quali sono le sue caratteristiche principali?

  • Può essere ottenuto da una ghianda. Per quanto riguarda la coltivazione, bisogna essere molto pazienti ed aspettare un paio d’anni finché il vostro bonsai quercia raggiunga un’altezza considerevole.
  • Le dimensioni in altezza sono di circa 20 centimetri. Il bonsai quercia è di certo una risorsa decorativa attraente posizionato su una mensola o su un tavolo da giardino.

Il Syringa microphylla e il fico

Due specie meno comuni che contribuiscono notevolmente alla decorazione del vostro giardino, sono il Syringa microphylla e il fico. I colori accesi e le forme così speciali li rendono molto interessanti dal punto di vista decorativo e botanico.

Bonsai fiorito

  • Il Syringa microphylla è comune in primavera per i suoi fiori viola. Più tardi, in estate, rimane con le foglie verdi che in autunno diventano rossastre. Viene ottenuto da “bambini” che nascono in grandi quantità dalle radici.
  • Il fico (Ficus carica) viene ottenuto dai semi del fico. Vi consigliamo di comprare un piccolo albero nel vivaio e di coltivarlo fino a quando le sue dimensioni non si riducono a quelle desiderate. È molto decorativo grazie alla particolare forma delle sue foglie.

Tipi di bonsai: il melograno e l’albero dell’amore

Il melograno è noto come Punica granatum. È di dimensioni molto piccole (circa 40 centimetri) e risulta molto vistoso se posizionato in luoghi alti. Può essere ottenuto dai semi del frutto all’inizio della primavera, seminandoli verso il mese di febbraio.

L’altro è il Cercis siliquastrum o albero dell’amore. È facile ottenerlo dai semi situati nei baccelli di alberi adulti. Per coltivarlo, bisogna piantare diversi semi raccolti durante l’autunno e metterli nel terreno nel mese di febbraio.

Valavanis, William: Fine Bonsai: Arte and Nature, Abbeville Press, 2012.