Piante da esterno: 7 piante belle e facili da mantenere

8 agosto 2018
Circondarsi di piante, in casa e in giardino, è sempre un'ottima scelta per decorare il nostro spazio quotidiano. Impariamo a scegliere le piante da esterno più facili da mantenere per goderne tutto l'anno.

Avete un grande giardino, un bell’ingresso aperto o un balcone/terrazza? In tutti questi casi potete usare le piante da esterno per decorare questi spazi e dare un tocco naturale alla vostra casa. In quest’articolo vi raccontiamo quali sono le piante da esterno migliori per decorare gli spazi intorno a casa.

Quali sono le piante da esterno più consigliate?

Non sempre abbiamo tempo a disposizione per prenderci cura del giardino o gli esterni di casa, ma questo non significa che vogliamo un giardino dall’aspetto abbandonato. Per questo, abbiamo preparato una lista delle migliori piante da esterno per decorare la vostra casa, adatte anche a chi non ha il pollice verde.

1. Geranio

Piante da esterno facili e colorate

Il geranio è una pianta erbacea o arbustiva con bellissimi fiori vivaci, che possono essere di diversi colori: bianchi, rosa, rossi o lilla. È una pianta originaria delle regioni temperate e di montagna vicine ai tropici, e fiorisce in primavera ed estate.

È la pianta per eccellenza per decorare la zona vicina alla porta e le finestre, grazie ai suoi fiori colorati. Ama l’esposizione alla luce diretta del sole e d’estate va innaffiato tre volte alla settimana.

2. Ortensia

Anche l’ortensia è nota per i suoi bei fiori lilla o azzurrini (che possono assumere toni più chiari o piè intensi), e porta un’ondata di allegria nel patio, dalla primavera fino all’autunno. Una curiosità: il tono dei fiori dell’ortensia dipende dal pH del suolo; se è acido tenderà all’azzurro, se è neutro saranno rosa, se è alcalino tenderanno al bianco.

Per quanto riguarda la manutenzione, le ortensie hanno bisogno di essere annaffiate frequentemente, bagnando la terra e le foglie, per evitare la comparsa di funghi o parassiti. Durante la fioritura è importante aggiungere concime.

3. Edera

L’edera è una pianta rampicante originaria dell’Asia. È la pianta perfetta per decorare l’esterno della casa in modo naturale. Pensate che riesce ad attaccarsi alle pareti e risalire fino a due metri di altezza! Se volete far arrampicare l’edera sulle pareti, dovete usare un supporto adeguato: potete usare semplicemente chiodi o viti in alcuni punti della parete e condurre le foglie verso quella direzione.

L’edera si arrampica anche sugli alberi e, se non trova una superficie verticale, crea un tappeto per terra. Si consiglia di piantarla in zone di semi-ombra, perché a pieno sole ha bisogno di essere innaffiata più frequentemente.

4. Lavanda

Lavanda

Una delle piante da esterno più usata per decorare, grazie al suo bellissimo colore e la sua resistenza al sole e alle alte temperature. Inoltre, i fiori della lavanda hanno un profumo speciale, che può essere usato in casa, o negli armadi o in cucina.

Anche se la lavanda si adatta praticamente a qualsiasi tipo di suolo, preferisce i substrati sabbiosi, asciutti e calcarei. Deve essere esposta alla luce diretta e abbondante e non è necessaria innaffiarla continuamente.

5. Rosa

Forse non ci crederete, ma le rose sono piante perfette per i principianti, anche se possono far venire qualche “mal di testa” a causa degli attacchi delle formiche, che bisogna debellare se non vogliamo restare senza fiori a metà della stagione di fioritura.

Le rose crescono in forma di arbusto o come rampicanti, fino ai cinque metri di altezza. I talli sono a forma di spine e i fiori sono bellissimi e di vari colori.

La rosa preferisce stare in pieno sole, con un’irrigazione costante (si può usare un sistema di irrigazione per evitare che la terra si secchi) e vanno potate a fine fioritura, quando i fiori diventano marci. Sopporta il freddo e le gelate, ma non al di sotto dei -7°C.

6. Gelsomino

Non possiamo escludere da questa lista delle piante da esterno il bellissimo e profumato gelsomino, con i suoi fiorellini bianchi il cui aroma invade l’ambiente, anche in giardino. Il gelsomino può crescere abbastanza e diventare un albero frondoso. Dovete prevedere uno spazio adeguato, come un grande patio o un giardino.

L’unico “difetto” del gelsomino è che sporca abbastanza, perché le foglie cadono continuamente. Dovete fare attenzione, perché è particolarmente suscettibile all’attacco dei funghi. Deve essere innaffiato regolarmente (una volta a settimana d’estate) e deve avere abbondante luce tutto l’anno. Può resistere alle gelate.

7. Primula

Ed ecco l’ultima: la primula. Un’altra pianta perfetta per decorare i nostri spazi esterni, se vogliamo dare un allegro tocco di colore. Le primule resistono bene anche all’interno. Non hanno bisogno di molta acqua – per evitare che le foglie si ingialliscano – e non sopportano il sole diretto, che le secca. Un aspetto positivo è che tollerano bene le basse temperature, ma non le gelate.

Guarda anche