Insonorizzare una stanza: vediamo come fare

16 Dicembre 2018
Nella vita, non c'è cosa migliore del tornare a casa e trovare tranquillità. Per questo, è fondamentale avere silenzio. A tale scopo, una buona insonorizzazione vi permetterà di avere un luogo di pace e calma

Per far fronte al rumore esterno, che sia della strada o di altri spazi limitrofi, vi mostriamo come insonorizzare una stanza. Non c’è niente di meglio che assicurarsi di avere almeno una zona della casa completamente silenziosa.

Esistono diverse forme di insonorizzazione. Tuttavia, la più valida è quella realizzata da professionisti, che sono capaci di creare uno spazio, stile bunker, dove non c’è possibilità che possa entrare un’onda sonora.

Come regola generale, le case  non hanno un sistema di isolamento esterno e questo non permette l’assenza di rumori. Insomma, le strutture non sono molto spesse e non hanno neanche il materiale isolante necessario.

Vantaggi di insonorizzare una stanza

Insonorizzare una stanza

Che si tratti della camera da letto, della sala, dell’ufficio o di una stanza in particolare, avere uno spazio insonorizzato vi farà stare tranquilli. E questo solo per il fatto di sapere che quell’importante spazio non permette l’ingresso di alcun tipo di rumore.

Il silenzio è molto importante per le persone. Non dobbiamo dimenticare che uno dei maggiori problemi al giorno d’oggi è l’inquinamento acustico. Siamo di continuo oggetto di bombardamenti sonori che tormentano la nostra testa.

Fare della nostra casa uno spazio insonorizzato è sinonimo di salute. Tuttavia, nel caso non ci si possa permettere un isolamento completo della casa, c’è la possibilità di farlo in una stanza.

Ricordate, la salute prima di tutto.

Procedura per insonorizzare una stanza

In primo luogo, bisogna identificare le zone dove c’è una quantità maggiore di rumore. In questo modo, si inizierà a risolvere il problema principale e poi si potrà passare alle pareti.

  • Finestre: devono avere un vetro doppio, ognuno di grosso spessore e con uno spazio nel mezzo. A sua volta, il telaio può essere in PVC, metallo o legno. Sempre con un sistema di chiusura che eviti l’entrata dei rumori.
  • Porte: di solito, in una casa le porte possono essere vuote o di legno sottile senza spessore. Quindi, è necessario sostituire questo tipo con una porta di legno massiccio, che si chiuda bene per non fare entrare alcun rumore.

Una volta individuati i due punti più importanti, bisogna pensare al secondo ambito di lavoro: le pareti. Per questo si useranno i pannelli di schiuma acustica:

  • Sono grandi quadrati con punte sporgenti a forma di piramide.  Il materiale è gommapiuma in PVC. Può essere tagliato e manipolato a gusto del consumatore. Riduce il rumore in entrata ed elimina l’eco della stanza.
  • Esistono diversi tipi di misure: su internet si possono trovare pannelli grandi o piccoli. Ad esempio, un formato standard è di 30 x 30 cm, con un prezzo che varia tra 3-4 euro.
  • Trovarli è abbastanza semplice. Alcuni siti web come Amazon li vendono a prezzi bassi, anche se la qualità è bassa. Al contrario, la marca Thomann distribuisce pannelli di alta qualità ma ad un prezzo maggiore.
  • Un’altra soluzione è l’uso di pannelli lisci di grandi dimensioni fatti in fibra di vetro, ricoperti di tessuto. Così si migliora l’acustica del luogo e non si fa entrare il rumore.

Altre soluzioni possibili per l’insonorizzazione

Se si desidera migliorare l’insonorizzazione, anche dopo aver usato i pannelli sopra elencati? Si possono usare altri mezzi che sono più rudimentali, ma che aiutano ad insonorizzare una stanza.

  • Chiudere bene il cassettone della serranda, da dove entrano rumore e freddo. Chiudendo bene tutte le fessure si riesce a bloccare l’entrata di ogni avversità esterna.
  • Piante: è stato provato che mettere piante dalle foglie larghe in terrazza o vicino alla finestra all’esterno, evita l’entrata di rumori.
  • Se si mettono dei pannelli di sughero o di fibra naturale prima dei pannelli di schiuma, si riduce molto ogni tipo di suono.
  • In casa, la famiglia o i compagni di stanza possono fare rumore. In questo caso, la cosa migliore è decidere degli orari in cui non fare rumore.

Seguendo questi passi e insieme ai materiali giusti per l’insonorizzazione, avrete un isolamento pratico e fattibile. Otterrete il silenzio di cui la mente ha bisogno.

Rougeron, Claude: Aislamiento acústico y térmico en la construcción, Editores técnicos asociados, 1977.