I 3 tipi di umidità sui muri e come liberarsene

29 Novembre 2019
Oltre all'estetica, i problemi di umidità sulle pareti possono influenzare la qualità dei materiali da costruzione. È importante identificare il tipo di umidità in modo da applicare il trattamento più adeguato.

L’umidità sui muri può essere causata da diversi problemi. Sebbene provenga spesso da difetti nella struttura esterna, in realtà esistono anche altri fattori scatenanti. È fondamentale identificare l’origine dei diversi tipi di umidità, per trattarli nel modo più adeguato.

Come alcuni sanno, la concentrazione di umidità all’interno di una casa è una questione che va oltre l’estetica. All’inizio sembra solo deteriorare l’intonaco, ma le conseguenze possono compromettere più direttamente la salute a causa della crescita di muffe e microrganismi.

Per tali ragioni, è fondamentale trovare una soluzione non appena si rilevano i primi segnali. Tuttavia, è importante riconoscere in anticipo quali sono i tipi di umidità e, a seconda di ciò, cercare i metodi giusti per risolvere il problema. Li conoscete?

Riconoscere i diversi tipi di umidità sui muri

La presenza di umidità sulle pareti non passa di certo inosservata. In genere inizia incrinando le superfici e alterando i toni della vernice che le ricopre. Inoltre, causa la formazione di macchie scure che di fatto possono estendersi fino al soffitto.

La cosa più fastidiosa è che emette un odore sgradevole e può causare allergie e problemi respiratori. Da qui la necessità di identificare la sua origine e il giusto metodo per eliminarla. Scopritelo nelle prossime righe.

Umidità da condensa

L’umidità da condensa è una delle più sottovalutate in casa. Molti pensano che il problema provenga dall’esterno e non adottano i metodi giusti per eliminarlo. La condensa si crea spesso dopo la cottura dei cibi, il lavaggio o l’asciugatura dei capi all’interno dell’abitazione, in combinazione con il riscaldamento.

Quando il vapore acqueo viene a contatto con le superfici fredde, come le pareti, l’umidità si condensa in gocce d’acqua e filtra nelle strutture. Come conseguenza, compaiono macchie di muffa, cattivi odori e problemi nel riscaldare la casa.

Parete scrostata

Quali sono le cause?

  • Cattiva ventilazione della stanza
  • Isolamento termico insufficiente
  • Difetti di costruzione della casa
  • Posizione errata dei termosifoni
  • Cattivo uso del riscaldamento intermittente

Come risolvere?

Il modo migliore per evitare la condensa all’interno di una casa è garantire la ventilazione ottimale degli spazi. Pertanto, si consiglia di aprire porte e finestre per 5 – 10 minuti al giorno. Altre misure per eliminare questo tipo di umidità dalle pareti, sono:

  • Installare delle finestre con un buon isolamento termico, preferibilmente con vetri a bassa emissione.
  • Installare serramenti a ventilazione controllata. Questi sistemi permettono un flusso controllato dell’aria esterna senza rinunciare alle proprietà termiche della finestra.
  • Utilizzare un deumidificatore nei luoghi umidi della casa, come bagni e cucine.

Umidità di risalita capillare

Questo tipo di umidità può interessare qualsiasi tipo di edificio. È frequente nelle vecchie case, nelle quali non è installata una barriera fisica contro questo tipo di umidità. In sostanza, nel tempo, l’acqua del suolo si fa strada attraverso le basi della struttura.

L’acqua del sottosuolo contiene sali minerali che si depositano sulla superficie delle pareti una volta che l’acqua evapora. Questi stessi sali attraggono l’umidità ambientale e causano il problema. Inoltre, prolifera facilmente nei materiali porosi come pietra e mattoni.

Pareti umide vicino a termosifone

Quali sono le cause?

  • Come accennato, è un tipo di umidità originata dalla risalita dell’acqua dal terreno attraverso pareti costituite da materiale poroso. Può anche essere causata dalla rottura di tubi.

Come riconoscerla?

  • Provoca la rapida usura dei materiali da costruzione. Di fatto, può anche causare danni a mobili, telai in legno ed elettrodomestici, tra gli altri.
  • Le macchie di umidità sulle pareti raggiungono altezze fino a un metro. La vernice appare come sollevata e la carta da parati si stacca. È anche possibile notare efflorescenze bianche.

Come risolvere?

  • Se la casa è già stata costruita, si possono realizzare delle pareti isolanti per ridurre al minimo il problema. Inoltre, è consigliabile utilizzare dei prodotti antimuffa.
  • Revisionare i tubi e verificare eventuali perdite.
  • Controllare gli scarichi per evitare ostruzioni.

Umidità da infiltrazione, l’ultima dei diversi tipi di umidità

Questo problema è causato causato dalla scarsa impermeabilizzazione. Di solito proviene dall’esterno, anche se spesso si origina al centro della casa. È più frequente nelle stanze a diretto contatto con la terra, quali quelle sotto il livello del suolo.

Umidità sulle pareti di casa

Quali sono le cause?

  • L’assenza o la scarsa impermeabilizzazione esterna delle strutture.
  • Danni o crepe sui muri.
  • Costruzioni sotto il livello del suolo, ad esempio scantinati o muri di contenimento.

Come riconoscerla?

  • Come per i casi precedenti, questo tipo di umidità delle pareti provoca una rapida usura dei materiali da costruzione. Nel tempo, può ripercuotersi sulla resistenza strutturale dell’abitazione.
  • Provoca anche danni all’impianto elettrico, cattivi odori e danni ai mobili.

Come risolvere?

  • Per evitare questo tipo di umidità si consiglia di edificare in luoghi lontani dall’acqua e con materiali isolanti. Se la casa è già stata costruita, si può ricoprire l’area interessata con una parete isolante.
  • Se le infiltrazioni d’acqua sono costanti, è necessario realizzare dei sistemi di drenaggio.
  • Si consiglia, inoltre, di riparare le crepe esterne e utilizzare delle vernici antimuffa.

Avete un problema di umidità in casa? Provate a riconoscere il tipo di umidità e applicate il trattamento più adeguato. Se non riuscite a risolvere il problema, contattate un professionista perché se ne occupi.