Come scegliere il pavimento per la terrazza

· 14 agosto 2018
Dalla ceramica, passando per il legno e arrivando al cemento, c'è una grande varietà di materiali tra cui scegliere per il pavimento per la terrazza. Vi aiuteremo a decidere.

Se volete rinnovare gli esterni di casa vostra per godervi al massimo l’estate, prima dei mobili, sarebbe meglio cominciare dai pavimenti. Vi piacerebbe sapere come scegliere il pavimento per la terrazza? Allora continuate a leggere questo articolo…vi daremo dei consigli più che interessanti e utili!

La scelta del pavimento per la terrazza è importante sia dal punto di vista estetico che

Quale pavimento per la terrazza scegliere?

Per rispondere a questa domanda dovrete avere ben chiare alcune questioni come, per esempio, l’utilizzo che farete di quello spazio, con chi vivete, quanto volete spendere, ecc. Però, in termini generali, il pavimento per la terrazza deve essere sufficientemente duraturo, bello e di facile manutenzione. Tra le alternative disponibili ci sono:

1. Pavimento in legno

Si può dire che avere un pavimento in legno è sempre una buona soluzione, che sia per un ambiente interno o sterno. In quest’ultimo caso però, è fondamentale prestare attenzione al tipo di trattamento che gli viene dato.

In questo modo, durerà molto di più, eviterete i problemi di umidità, la comparsa di funghi e avrà sempre un bell’aspetto. Vi raccomandiamo di passare anche un protettore speciale due volte l’anno.

Tra le opzioni più utilizzate per le terrazza c’è il pino (più economico, con diverse texture e tonalità), i legni tropicali (più resistenti e durevoli) e i legni sintetici (non marciscono, sono facili da pulire, antiscivolo, non si gonfiano e resistono all’acqua e al sole).

2. Pavimento in ceramica

Si tratta di uno dei materiali più scelti per le terrazze e gli esterni, perché è molto resistente e non richiede molta cura. Sopporta pioggia, sole e sbalzi di temperatura senza problemi. È l’ideale se non avete tempo per prendervene cura!

Tra le opzioni in ceramica vi raccomandiamo il gres porcellanato, che assorbe meno acqua e non si rovina col passare del tempo. Capirete qual è perché la parte posteriore della mattonella è bianca. Vi consigliamo anche di fare attenzione allo spessore di ogni ceramica perché determinerà la sua durezza e, di conseguenza, quanto tempo durerà.

pavimento ceramica terrazza

Negli ultimi anni sono usciti in commercio nuovi materiali in ceramica, inclusi quelli per la terrazza, che imitano il legno, la pietra o altre trame. Sono disponibili in vari colori e motivi, anche con superfici più o meno rugose. Perfetti per abbinarli con l’arredamento e i mobili.

3. Pavimento in pietra naturale

Questa è un’altra opzione che risulta più che ottima, non solo per un fattore estetico, ma perché è ideale per gli esterni grazie alla sua capacità di non cambiare con gli sbalzi climatici. Non importa che sia freddo o caldo, se piove o c’è il sole, se nevica o c’è vento. I pavimenti in pietra naturale saranno come il primo giorno. 

pavimento terrazza pietra naturale

Potete optare per finiture rugose o lisce, colori diversi e più o meno impermeabilità

Vi consigliamo quelli in ardesia per le aree vicino alla piscina o fonti d’acqua.

4. Pavimento in prato sintetico

Per un luogo di ozio e intrattenimento, se avete bambini o animali domestici, il prato artificiale può essere una buona soluzione. Tra i vantaggi di questo tipo di pavimento risaltano la facilissima istallazione, la pochissima cura, la resistenza alla pioggia, è antiallergico e, senza dubbio, è più economico di quello naturale.

Si possono scegliere diverse lunghezze, non è necessario tosarlo né annaffiarlo, si può camminare scalzi senza paura di farsi male e, se c’è molto sole, non ingiallisce…oltretutto, darà un tocco differente soprattutto se vivete in città. Un contrasto meraviglioso!

5. Pavimento in composito

Si tratta dell’ultima moda in fatto di pavimenti per esterni, fabbricato combinando resine sintetiche con fibre di legno. Questo pavimento è duro e resistente, non ha bisogno di molte cure, si istalla facilmente perché è venduto a ‘placche’ e non si corrode con prodotti chimici come detersivi e disinfettanti.

pavimento in composito

Il composito viene spesso scelto per i bordi delle piscine perché è antiscivolo e riduce al minimo i pericoli in zone sempre bagnate. I bambini possono giocare senza paura di farsi male. Oltretutto, il colore non se ne andrà a contatto con il cloro.

Certo, non importa che scegliate un solo tipo di pavimento in terrazza. Potete combinarli a seconda dei vostri gusti e necessità. Per esempio, per delimitare la zona gioco da quella da pranzo, quella della piscina da quella barbecue, ecc.