Ristrutturare casa: 4 cose che le imprese non vi diranno

16 Luglio 2019
Se avete contrattato un'impresa di ristrutturazione recentemente, avrete visto come tutto sembra filare liscio come l'olio. Ci dispiace dirvi che in tutti i lavori di ristrutturazione succedono cose che l'impresa non vi ha anticipato. Non spaventatevi! Ma è importante tenerle in considerazione.

Ristrutturare casa è un’avventura e, in quanto tale, ci sono sempre alcuni imprevisti. All’inizio tutto sembra facile e, poco a poco, le cose iniziano a complicarsi.

Per non farvi prendere alla sprovvista, nell’articolo di oggi vi diremo quali sono le cose che nessuna impresa di ristrutturazione vi dice prima di iniziare i lavori.

Può sembrarvi esagerato, ma questo è il modo migliore per iniziare a ristrutturare casa nel modo giusto. Altrimenti, finirete per disperarvi per i lavori che non finiscono mai e il conto sempre più salato. Anzi, nell’articolo di oggi non solo vi raccontiamo tutti i segreti della ristrutturazione, ma anche come evitare le trappole ed entrare nella vostra casa nuova il prima possibile.

Pensate comunque che, nonostante gli imprevisti a cui dovrete far fronte, state costruendo la casa dei vostri sogni. Quindi, prendetela con filosofia, perché tutto lo stress che accompagna una ristrutturazione sparirà quando finalmente entrerete a casa.

Ristrutturare casa: le 4 regole d’oro per sopravvivere ai lavori

1. I lavori durano sempre di più di quanto indica il preventivo dell’impresa

Ristrutturare casa con un'impresa

Ecco la prima grande verità del nostro manuale per ristrutturare casa, che nessuno vi dirà. La ristrutturazione che avete previsto e che doveva durare un paio di giorni e non sporcare neanche un centimetro della casa, alla fine durerà dieci giorni e vi lascerà la casa sottosopra.

La ragione principale dei ritardi nei lavori è che, nella maggior parte dei casi, i permessi e i materiali possono ritardare l’inizio o l’avanzamento della ristrutturazione.

In altri casi, sarà colpa di qualche imprevisto oppure dell’inaffidabilità dei professionisti coinvolti nella ristrutturazione, che impiegano più tempo di quello previsto per concludere i lavori.

Il nostro consiglio è che teniate in considerazione, fin dal principio, che i lavori dureranno più del previsto. Ovvero, se dicono che ci metteranno cinque giorni, considerate almeno una settimana, e così via.

In questo modo, sarete preparati per affrontare la ristrutturazione in modo più efficiente. In ogni caso, potete sempre fare un reclamo per ritardo e, se i lavori durano molto più del previsto, potete chiedere all’impresa di pagare una penale.

2. Il conto finale è sempre più alto del preventivo

Ristrutturare casa è caro

Tutti i lavori iniziano sempre allo stesso modo. Chiediamo un preventivo e, se siamo d’accordo con quanto offerto, allora iniziano i lavori. Alcune volte, non sappiamo perché, ma finiamo per pagare molto più di quanto avevamo preventivato.

Le cause più comuni del conto salato sono gli imprevisti oppure l’aggiunta di alcuni elementi che non erano stati inclusi nel preventivo.

Inoltre, molto spesso decidiamo di cambiare qualcosa del progetto in corso d’opera: ristrutturare casa è un processo dinamico in cui a volte si può decidere di ampliare il progetto iniziale.

Quando ci si trova in mezzo ai lavori e la casa è completamente sottosopra, spesso si approfitta per includere anche altre stanze, come ad esempio la ristrutturazione del bagno.

Altre volte, ad esempio, decidiamo di installare un sistema di isolamento in tutta casa. Decisioni come questa fanno gonfiare il conto finale in modo sostanziale, ma si tratta di un investimento. Infatti, anche se il preventivo aumenta, noteremo come si abbassano i consumi della casa.

La cosa migliore, quando si inizia a ristrutturare casa, è avere chiaro in mente quello che volete fare. Portate sempre con voi il preventivo cartaceo, firmato da entrambe le parti. In questo modo, l’impresa di ristrutturazione non potrà modificarlo né aumentarlo senza il vostro controllo.

Tenete in considerazione che esistono anche altri modi per risparmiare sulla ristrutturazione, ad esempio, potete fare i lavori da soli. In questo modo eviterete questo tipo di problemi.

3. Ristrutturare casa: l’imprevisto è la regola

Progetto di ristrutturazione

Rassegnatevi: ristrutturare casa vuol dire far fronte agli imprevisti. Un’autorizzazione che non arriva, i materiali che ritardano, un tubo che si rompe. Qualsiasi sia la “brutta sorpresa”, prima o poi arriva. Di conseguenza, la data di consegna può ritardare e il costo della ristrutturazione può aumentare.

Il modo migliore di evitare gli imprevisti, per quanto possibile, è quello di realizzare uno studio approfondito prima di iniziare i lavori. Tutti noi abbiamo fretta di iniziare a ristrutturare casa, ma la fretta è cattiva consigliera.

Prendersi qualche giorno per fare uno studio completo per minimizzare gli imprevisti e i tempi dei lavori vale la pena. Pensateci!

Conoscere la superficie sulla quale si sta lavorando, o lo stato degli ordini, è fondamentale per evitare le brutte sorprese. In ogni caso, la cosa migliore è armarvi di molta pazienza e cercare la soluzione via via che si presentino gli imprevisti.

4. I diversi gruppi di professionisti non sono ben coordinati

Professionisti della ristrutturazione

Facciamo un esempio: nella ristrutturazione della cucina lavorano i muratori, i falegnami, gli idraulici e gli elettricisti. Molto spesso, i diversi professionisti non si mettono d’accordo su come procedere nei lavori ed iniziano a discutere. La conseguenza? Ritardo dei lavori.

Anzi, è sufficiente che solo una di queste persone non rispetti i tempi di consegna stabiliti, per ritardare il lavoro di tutti gli altri che devono intervenire dopo di lui.

Una buona strategia è quella di contrattare un’impresa di ristrutturazione che abbia tutti i professionisti, senza dover subappaltare parte dei lavori a qualcuno di esterno. In questo modo non dovrete dipendere da terze persone e diminuirete la possibilità di imprevisti.