Come scegliere le piante per interni

· 12 settembre 2018
Scegliere delle piante per interni adatte alla propria casa è fondamentale perché vivano bene e creino un ambiente armonioso.

È successo a tutti che una pianta da interni tenuta sia appassita o non sia sopravvissuta. Ma perché succede? Bisogna tener conto di diversi fattori, entro i quali ce n’è uno fondamentale: controllare se è adatta a quella temperatura.

Riscaldamento e sbalzi di temperatura fanno la loro parte. Prima di acquistare elementi da giardinaggio è fondamentale informarsi e chiedere consiglio in negozi specializzati.

Vediamo quali sono alcuni aspetti importanti per la cura delle nostre piante per interni e quali scegliere per la casa.

Luce e temperatura

È molto importante che lo spazio dove si dispongono le piante sia illuminato. Non è necessaria la presenza di una finestra, basta che si illumini lo spazio con luce indiretta.

C’è da sottolineare che, quanta più luce naturale avranno, migliore sarà la qualità di vita delle piante. Sicuramente, altre  possono nutrirsi di luce artificiale ma, senza dubbio, quella fornita dal sole è l’ideale.

Dovendo scegliere, consigliamo la Fittonia o la Peperomia, due tipi di piante che crescono molto bene negli ambienti interni. Vivono a lungo e si adattano perfettamente all’ambiente.

E riguardo la temperatura? Qualsiasi lavoro di giardinaggio richiede impegno e attenzione, ma è proprio la temperatura il fattore che dobbiamo conoscere bene per far si che la pianta viva a lungo.

piante da interni alla finestra

Generalmente, le piante da interni hanno bisogno di alte temperature, tipiche degli ambienti tropicali. Per questo, volendone acquistare alcuni esemplari da arredamento, ci si deve chiedere qual è la temperatura adeguata.

In realtà, le piante da interni avranno una buona qualità di vita in una casa con una temperatura tra i 18° e i 24°. È importante che nella stanza non ci siano bruschi sbalzi di temperatura, che deve essere costante.

Se la stanza è fredda, meglio che non ci siano piante; col tempo di deteriorerebbero. Nel caso si volesse scegliere una pianta adatta al freddo, una Potos resiste alle basse temperature.

Per tanto, sia la luce che la temperatura devono essere controllate. Delle buone condizioni ci garantiscono di far conservare le piante con successo.

Lo spazio

Nell’uso di vegetali come elementi di arredo, la disposizione in uno spaio deve essere ben congegnata. L’ambiente sarà più armonioso e accogliente, senza dubbio.

In una stanza con molti mobili è importante utilizzare piante piccole che non occupino molto spazio. In sostanza, ciò che conta è che dinamizzino l’arredamento e il tutto.

Al contrario, in una stanza grande con spazi vuoti e pochi mobili, collocare piante più grandi, che superino persino l’altezza delle persone, decora e si accompagna ai mobili.

A metà tra una pianta grande ed una piccola c’è, ad esempio, la Violetta Africana. Dà colore, profumo e raffinatezza; oltretutto, non cresce eccessivamente e non richiede potatura. Per tanto, qualsiasi pianta simile a questa può essere adatta.

piante da interni in salotto

Tipi di piante da adattare al design della casa

Normalmente, ci piace avere un ambiente accogliente e tranquillo. La natura contribuisce in questi due concetti. Per questo, al momento di incorporare piante in una stanza, è imprescindibile che si adattino al design della casa.

In uno stile rustico si possono collocarne diversi tipi con una consistenza leggera: gerani, Ficus Benjamin, Felci ecc.

Diversamente, per un appartamento in città minimal, con linee rette o con un design ridotto a forme semplici, Cactus e Piante Grasse sono perfetti e arredano finemente.

Se, invece, si desidera che siano le piante ad essere le protagoniste negli interni, esistono specie con molto fogliame. Danno colore, lucentezza e fascino.

Dentro questa varietà ci sono alcuni esempi perfetti per spazi interni: Fittonia Albivenis, Tradescantia Zebrina e la Maranta.

Che tipo di piante da interni scegliere?

L’edera purifica l’aria. Crescendo, può offrire forme sinuose e interessanti per dare eleganza e dinamismo. Difatti, ricorda lo stile artistico modernista.

Un altro tipo molto facile da mantenere in casa è il Filodendro. Non ha bisogno di molta acqua, vive a lungo e purifica l’aria come l’edera.

piante da interni in bagno

Una pianta che si trova in tutte le case è il Falangio, anche detto Nastrino. Così come le altre, è facile da mantenere, purifica l’aria e non ha bisogno di essere annaffiata tutti i giorni. Ha un aspetto elegante e forme semplici.

D’altro canto, Bonsai, Cactus, Mangiafumo sono, tra molte altre, altrettanto facili da tenere in casa. Minima cura e si adattano a qualsiasi tipo di design.

Conclusione

Arreda con colori e porta la natura in ogni angolo della casa. Le piante rendono un ambiente sano, pulito, fresco e naturale; però non si deve dimenticare che il consiglio di un esperto può esserci di grande aiuto.

L’amore per il giardinaggio è un seme che una volta seminato non muore mai.

– Gestrude Jekyll –