Come cambiare look a una poltrona

21 Agosto 2019
Ecco alcune idee perfette per rinnovare un salotto senza spendere troppo. Vi insegnamo come cambiare look a una poltrona rifacendo la copertura.

Voglia di rinnovare i vostri mobili spendendo poco? Oggi vi mostreremo due soluzioni per cambiare look a una poltrona, per riutilizzarla ed espandere al massimo la sua vita utile.

In questo modo, vi offriamo anche delle dritte per imparare a cambiare la tappezzeria a una poltrona o a cucire cuscini sfoderabili.

Le possibilità offerte dalle stoffe per tappezzare e per coprire i mobili sono sorprendenti. Prima di iniziare a giocare con le varie fantasie dei tessuti, è possibile rimodernare l’aspetto di una poltrona già solo cambiando il modo di posizionare il tessuto.

Cambiare look a una poltrona ritappezzandola

Poltrona tappezzata in giallo: come cambiare look a una poltrona

Il primo passo da compiere quando si decide di tappezzare consiste nel decidere se si vuole arredare una stanza a partire dalla tappezzeria, rendendo quest’ultima la protagonista, o si preferisce adattare i tessuti al’ambiente circostante.

I tessuti da tappezzeria devono essere spessi, per evitare che si deformino, e resistenti all’usura. Quelli di cotone a trama stretta, come la tela e il velluto, sono molto duraturi, ideali per le case in cui ci sono bambini.

Nel caso decidiate di adattare la tappezzeria ad un ambiente già arredato dovete tenere a mente che la tappezzeria a fantasie floreali, a quadri o a righe, si adatta bene negli ambienti rustici e classici. Allo stesso modo, la tappezzeria a tinta unita sta bene negli ambienti moderni.

Tecniche di taglia e cuci per cambiare look a una poltrona

Tappezzeria fai da te

Il primo passo da compiere per rinnovare la tappezzeria di una poltrona è quello di togliere la vecchia fodera. Si tratta di un’ operazione piuttosto facile che potete realizzare da soli.

Per rimuovere la tappezzeria vecchia da una seduta servono pochi strumenti: è sufficiente avere un coltello affilato, un cesello appuntito per rimuovere la tappezzeria fissata al bordo inferiore della poltrona attraverso punti metallici e chiodi. Un procedimento casalingo molto semplice che qualsiasi appassionato di bricolage può mettere in pratica è il seguente:

  1. Si misura la seduta della poltrona che bisogna tappezzare e si taglia un quadrato di truciolato della stessa misura. In seguito, con un paio di forbici si taglia un quadrato di ovatta delle stesse dimensioni della tavola di legno.
  2. Si attacca l’ovatta alla tavola di legno con la colla spray e si ricoprono entrambi con uno strato di calicò, fissato al legno attraverso punti metallici.
  3. Una volta fissata la prima tela, si fodera nuovamente la seduta con il tessuto da tappezzeria scelto, lasciando un po’ di spazio per gli angoli. Si aggrappa la tela dalla parte inferiore e si tirano bene gli angoli, accertandosi che non vi siano grinze.
  4. Per ottenere un ottimo risultato si copre la parte inferiore della seduta con un quadrato di tela dura, ad esempio di iuta, si piegano i bordi verso l’interno e si fissa la tela al legno con i punti metallici. Una volta tappezzata la seduta, non vi resta che inserirla sulla poltrona.

Foderare le poltrone

Sono vari i motivi per cui potreste voler foderare una poltrona: nascondere le imperfezioni del mobile, rivestirla per un’ occasione speciale o semplicemente rinnovare il suo look.

Le poltrone sono proprio come un manichino, le si può vestire a proprio piacimento. Esistono fodere aderenti, che si amalgamano alla struttura della sedia come fossero guanti e altri più morbidi, dal taglio informale.

Si può anche decidere di coprire tutta la poltrona, piedi inclusi, con una fascia che copra la base o foderare solo una parte: la seduta, lo schienale, o entrambi.

Tessuti da tappezzeria colorati

Curare i dettagli per cambiare look alle vostre sedie

Esistono diverse rifiniture con cui adornare la fodera. Pieghe, nodi, fiocchi, nappe, bottoni ef rivetti sono solo alcune delle opzioni tra cui scegliere per trasformare le vostre fodere.

Ad esempio, con le frange e le nappine si può aggiungere struttura e dare un tocco sofisticato. Anche apporre una fila di bottoni sulla base del coprisedia dà buoni risultati, mentre le pieghe possono servire a camuffare la forma della poltrona.

Come cucire un rivestimento sfoderabile

Cucitura della fodera

Vediamo il procedimento per creare un rivestimento su misura con successo.

  1. Per prima cosa, tenete a portata di mano il materiale necessario: il tessuto scelto per la fodera e i bordi, forbici, filo della stessa tonalità del tessuto e spilli. Successivamente bisogna prendere le misure delle diverse parti della poltrona che si vogliono rivestire: schienale, seduta e gambe.
  2. Tagliate i pezzi calcolando circa 2,5 cm per gli orli e montateli sulla poltrona fissandoli con gli spilli. Per assicurarvi che il rivestimento si adatti alla struttura della poltrona la cosa migliore è sedervisi su.
  3. Per rifinire i bordi introducete un cordone in una striscia di tela tagliata in precedenza. Infine dovete chiuderla con gli spilli e cucirla.
  4. Unite il bordo al rovescio del tessuto così che capiti nel mezzo della cucitura.
  5. Fissate il bordo alla cucitura usando gli spilli, poi imbastitela per impedire che si muova e infine cucitela a mano.
  6. Per far sì che il bordo si adatti alla struttura della seduta senza ‘tirare’, fategli dei piccoli tagli a forma di V. Infine girate il rivestimento in modo da vedere il lato dritto e ponetelo sulla poltrona.

E voi, cosa preferite? Vi piace più tappezzare o rifoderare le poltrone? A voi la scelta!