Come progettare la cucina?

6 luglio 2018
Vogliamo darvi qualche consiglio per progettare la cucina dei vostri sogni tenendo conto di tutti i diversi fattori importanti.

Prima di iniziare a progettare la cucina dovete avere ben chiaro in mente come avete intenzione di utilizzare lo spazio. Dovete valutare e tenere in considerazione le diverse aree di lavoro e le diverse funzioni di ogni zona di questa stanza.

È importante progettare i diversi moduli in modo tale da ottimizzare le loro prestazioni e funzionalità. Pertanto, tutte le misure di tutti i componenti della cucina dovranno essere studiate nel minimo dettaglio prima di definire il progetto.

In questo articolo vi spieghiamo tutto quello che dovete sapere se vi apprestate a progettare la cucina.

 Le cinque aree della cucina

Nelle cucine è possibile differenziare 5 aree. Ognuno di loro ha una funzione diversa:

  1. Dispensa.
  2. Cassetti.
  3. Lavandino.
  4. Tavola.
  5. Piano cottura e forno.

La dispensa, il lavello, il piano cottura e il forno sono tutti usati nel processo di preparazione del cibo, quindi dovrebbero essere organizzati nel modo più efficiente possibile.

Stabilire il triangolo di lavoro

La distribuzione del frigorifero, della cucina e della lavastoviglie dovrebbe formare il cosiddetto “triangolo di lavoro”.

In ogni vertice si compie una  delle attività più importanti e tipiche della cucina: preparazione, cottura e pulizia.

Questo triangolo è la distanza più breve tra il frigorifero, la superficie di cottura e la lavastoviglie. La sua posizione corretta, assicura che le attività di cottura si concentrino in un’unica area, lasciando tutto il necessario a portata di mano.

Per ottenere un triangolo il più perfetto possibile, la somma dei suoi 3 lati non deve essere maggiore di 8 m e, separatamente, nessun lato deve essere di lunghezza inferiore a 1,20 m né superiore a 2,70 m.

progettare la cucina

Cucine diverse

A seconda dell’uso che vogliamo fare dello spazio della nostra cucina, ci sono diversi tipi di cucine:

  • Il primo tipo di cui vi vogliamo parlare è la nota cucina a “L”. Questa distribuzione è perfetta per una cucina di famiglia poiché è facile organizzare tutto e mantenere l’ordine. Inoltre, si ottiene un ampio spazio per mangiare con tutta la famiglia ogni giorno. Con questo tipo di cucina, le dimensioni della vostra cucina non contano. La distribuzione delle diverse aree di lavoro che questo tipo di cucina offre è perfetta. Vi permetterà di mantenere l’ordine perché in pochi passi avrete tutto a portata di mano e guadagnerete in agilità.
  • Un’altra tipologia sono le cucine in forma lineare. La caratteristica principale è che l’intera area di lavoro si trova allineata su un singolo muro. Pertanto, sarà il modello perfetto per voi se la vostra cucina è lunga e stretta. A differenza della cucina a “L”, in un cucina lineare ci saranno più spostamenti, quindi una buona idea è che l’area di preparazione del cibo sia posizionata al centro.
  • Le cucine a “U” sono quelle che usano tre pareti della stanza. Ciò consente un maggiore comfort in quanto non è necessario spostarsi molto da un’area all’altra durante la cottura. Avrete tutto nelle vicinanze.
  • Un’altra distribuzione è usata nelle cucine con piani di lavoro paralleli. Queste mantengono due linee di lavoro una di fronte all’altra. La distanza che deve essere lasciata tra di loro deve essere di almeno 120 cm per garantire la fluidità nello spazio.
  • L’ultima tipologia rimasta di cui vogliamo parlarvi è la cucina a isola. Sicuramente le grandi cucine americane sono le prime che vengono in mente quando parliamo di cucine di questo tipo. Come indica il nome stesso, queste richiedono molto spazio per posizionare un tavolo di lavoro allungato chiamato “isola” posizionato al centro della cucina. Al tavolo di lavoro si può opzionalmente aggiungere il piano di cottura in e usare lo spazio restante per conservare cibi e utensili. Queste cucine sono molto confortevoli e vi aiuteranno a risparmiare tempo nel processo di cottura.

In relazione a queste diverse distribuzioni, è importante tener conto di come funzionano le diverse circolazioni. Il triangolo di lavoro deve essere mantenuto in un rapporto adeguato che consenta la fluidità quando c’è più di una persona che lavora.

Tipi di rivestimenti

Esistono diversi tipi di rivestimenti di cui dovete tenere conto per progettare la cucina anche se i materiali più utilizzati sono i seguenti:

  • La pietra: quelle che sono più du tendenza in questo momento sono quarzo, granito e marmo.
  • L’acciaio inossidabile: igienico e supporta i prodotti di pulizia più potenti.
  • Il calcestruzzo: questo materiale di vede molto nei rivestimenti. Le finiture possono essere opache o satinate.
  • Il legno: è un materiale molto caldo. Inoltre, si integra molto bene in tutti gli interni e porta uno stile diverso a tutte le cucine.
  • La ceramica: è sempre più utilizzata sui banconi. È disponibile in piastrelle molto grandi e le procedure di produzione consentono praticamente di riprodurre qualsiasi materiale.
  • Il laminato: è un nudo agglomerato ricoperto da un foglio di formalina o HPL. Ci sono diversi modelli e combinazioni.
  • Prodotti derivati ​​da composti.

Negli ultimi tempi, si punta sempre più spesso sulle coperture molto sottili con spessori che vanno da 0,8 cm a 1,5 cm.

Cucina in legno

Quale colore scegliere per progettare la cucina

Quando scegliete il colore per la vostra cucina, dovete tenere conto che questo potrà cambiare la percezione visiva e l’atmosfera della cucina.

Il bianco è una delle opzioni più ricorrenti. È il colore più economico, aumenta la sensazione di ampiezza e migliora la luce naturale della stanza, ed è altamente raccomandato nelle cucine più piccole. Tuttavia, è il colore che da anche un impatto visivo minimo impatto.

Il colore rosso da forza, è un tono audace e tremendamente creativo. Nelle cucine piccole rende molto bene, a seconda della distribuzione e della luminosità dello spazio.
Cucina rossa abbinata al pavimento nero.

Il colore arancione è molto allegro e porta personalità in cucina. È un colore molto potente, quindi dovrebbe essere usato in piccole quantità e in luoghi precisi Altri colori più utilizzati sono i toni della terra, il verde e il grigio.

Ora dovete solo iniziare a progettare la cucina seguendo tutti questi suggerimenti!

Guarda anche