Lo stile tradizionalista nella decorazione d'interni

Se guardate con nostalgia al passato, sappiate che è possibile mantenere le tradizioni ed i costumi attraverso la decorazione domestica. Si tratta indubbiamente di un modo molto interessante per recuperare le formule del passato.
 

Nel corso della storia, il mondo dell’interior design ha attraversato numerose fasi e sono sorte delle tendenze che prediligono uno stile piuttosto che un altro. Un caso particolare è costituito dallo stile tradizionalista nella decorazione d’interni.

Le case di campagna sono lo scenario perfetto per questo stile decorativo. Vale la pena ricordare che lo stile tradizionalista è tipico del diciannovesimo secolo e della prima metà del ventesimo secolo. I nostri antenati hanno incoraggiato e sviluppato questo tipo di tradizionalismo estetico.

Ciò non significa che dovremmo usare la stesso arredamento che i nostri nonni avevano nelle loro case. Piuttosto, potremmo usarlo come fonte di ispirazione ed includerlo in uno stile più moderno in cui combinare diverse risorse. Vediamo insieme lo stile tradizionalista nella decorazione d’interni.

Lo stile tradizionalista nella decorazione d’interni

Decorazione tradizionalista

Il termine “tradizione” è associato all’idea del mantenimento di stilemi che vale la pena continuare ad adottare e che sono fonte di ispirazione ancora oggi. Al concetto di tradizione si possono associare altri due concetti: quello di costume e quello di storia. In questo senso, l’applicazione dello stile tradizionalista comporta un processo di recupero.

Per sapere che aspetto ha la decorazione tradizionalista, bisogna andare indietro nel tempo, al modo in cui i nostri antenati decoravano gli interni. Ciò non significa ricorrere ad uno stile arcaico ed eclettico: possono essere usate anche risorse che danno al luogo un tocco speciale.

 

Normalmente, questa tipologia viene associata al mondo rurale, dove il rapporto della casa con l’ambiente naturale è più stretto e si predilige l’uso di mobili molto vicini a ciò che è la campagna e i villaggi.

Vale la pena recuperare le tradizionali formule decorative per prevenirne la scomparsa.

5 risorse che non possono mancare

Accessori design in legno

Per arredare la vostra casa con le risorse dello stile tradizionalista, potreste adottare i seguenti elementi:

  • Mobili in legno: il tavolo da pranzo non può mancare. Se scelto in stile circolare, può essere posizionato in un angolo della stanza. In questo caso, non bisognerebbe renderlo protagonista, ma è meglio abbinarlo bene con il resto dei mobili.
  • Poltrone imbottite singole o divano in velluto. Questi offriranno un’estetica molto tradizionalista, poiché questo tipo di fodera è tipico delle case antiche.
  • Fotografie sui muri, dei nostri parenti o di paesaggi riconoscibili che hanno a che fare con chi vive nella casa. Queste risorse venivano utilizzate nel corso del ventesimo secolo e collocate sia sulle pareti che sulle mensole e sui tavoli.
  • Sedie in legno o forgiate. Lo scopo principale è quello di abbellire le stanze affinché l’arredamento abbia una funzione decorativa attraverso l’utilizzo di materiali provenienti dal mondo rurale.
  • L’uso di attrezzi agricoli per decorare le pareti o gli scaffali. Che si tratti di un rastrello, una ciotola, un aratro, un giogo, ecc. Tutte queste risorse possono collaborare alla decorazione degli spazi, a tal punto da generare un contenuto molto tipico dello stile rustico.
 

Il pavimento in legno o in pietra

Pavimento in legno

Per arredare la vostra casa in stile tradizionalista, vale la pena chiedersi: quale tipo di pavimento si adatterebbe meglio? In questo caso, il legno è una risorsa che funziona molto bene nella decorazione in stile rustico e tradizionalista. Pertanto, sarebbe un’ottima scelta, purché il legno abbia un aspetto consumato.

D’altra parte, anche i pavimenti in pietra si adattano bene allo stile tradizionalista. Essi offrono offrire un’estetica molto attraente e naturalistica, ma hanno un difetto: sono freddi e non trasmettono una sensazione di calore. Tuttavia, possono favorire un’atmosfera realistica tradizionale, proprio come le case dei villaggi del 19° secolo.

Stile tradizionalista: i colori della terra

Colori per una casa tradizionalista

Per mantenere lo stile tradizionalista nella decorazione d’interni, bisogna prestare attenzione al tipo di colore che domina gli spazi. Le tonalità terra e ocra sono le più adatte, soprattutto perché erano le più utilizzate nelle case dei villaggi.

I colori più interessanti sono: marrone, granate, beige e terracotta. Tutti possono adattarsi molto bene e, inoltre, possono combinarsi perfettamente con il grigio della pietra o con gli oggetti decorativi in legno. L’obiettivo principale è trasmettere calore agli ambienti attraverso i colori.

  • Lava Oliva, Rocío: Interiorismo, Vértice, 2008.