Lampadari: come scegliere quello giusto

12 agosto 2018
State pensando di rinnovare i lampadari? Se avete già visitato siti e negozi e avete varie opzioni fra cui scegliere, questo articolo può fare al caso vostro.

State pensando di rinnovare i lampadari di casa vostra? Se vi siete recati in un negozio specializzato o in un ipermercato, vi sarete sicuramente trovati davanti a un’infinità di scelte e ora avete mille dubbi: sarà meglio un modello a candelabro? Dei faretti? O forse una plafoniera?

Non fatevi prendere dal panico! Questo articolo illustra varie idee per scegliere i migliori lampadari, a seconda delle vostre esigenze.

Lampadari con pendenti o a candelabro

I lampadari con pendenti, in particolare quelli a candelabro, conferiscono alla stanza grande eleganza e distinzione. Si tratta di una scelta classica, che non passa mai di moda con il trascorrere del tempo.

Se la casa è dotata di soffitti bassi, questo tipo di lampadari non è l’opzione migliore e sarà preferibile optare per un’altra tipologia.

Lo svantaggio di questi modelli è che sono difficili da pulire. A differenza dei faretti e delle plafoniere, dovrete impiegare parecchio tempo perché siano ben puliti e brillanti.

Dai design più semplici alle creazioni più eleganti e complesse, i lampadari con pendenti o a candelabro sono disponibili in molti modelli e sono perfetti sia in soggiorno che in camera da letto.

Lampadario a candeliere

Plafoniere e semiplafoniere

Se state cercando un lampadario funzionale ed economico, che non svolga un grande ruolo nell’arredamento della stanza, l’opzione migliore è senza dubbio la plafoniera. Se ne trovano principalmente in metallo, legno o plastica e sono molto facili da pulire.

Se non siete convinti, ma non desiderate un lampadario con pendenti, una buona idea è scegliere una semiplafoniera, più elegante e colorata, ma meno vistosa rispetto ai modelli illustrati in precedenza.

Faretti

I faretti sono perfetti per il bagno o per le stanze in cui si preferisce utilizzare più punti luce o concentrare la luce in un unico punto.

Sono disponibili modelli fissi e mobili, realizzati in un’infinità di materiali, dimensioni e design. Normalmente tendono a fornire molta luce e il loro aspetto poco vistoso implica un ruolo minimo come elementi d’arredamento.

Le luci mobili hanno il vantaggio di poter focalizzare la luce su una parte specifica della stanza. È anche possibile illuminare l’intera stanza con un singolo dispositivo se si opta per una disposizione appropriata.

Faretti led cucina

Lampadari di design

Se si opta per un lampadario di design, è ovvio che questo costituirà l’elemento principale della stanza: per via della forma, del colore e dell’originalità, catturerà subito lo sguardo e sarà al centro dell’attenzione.

Se l’appartamento è dotato di soffitti alti, non sarà difficile trovare un lampadario di design che consenta di ottenere un’illuminazione perfetta e costituisca al contempo un elemento decorativo che non passerà certo inosservato.

Uno svantaggio di questo tipo di lampadari è che di solito il prezzo è molto più alto rispetto alle altre tipologie. Tuttavia, se vi rivolgete a negozi e siti web di grandi dimensioni, troverete sicuramente un modello un po’ meno dispendioso.

In definitiva, la scelta del lampadario dipenderà dalle dimensioni della stanza e soprattutto da quanto volete osare. Speriamo di avervi fornito ispirazione con questi suggerimenti.

Sicuramente ora avrete un’idea più chiara su quale tipo di lampadario scegliere, o almeno avrete escluso qualche tipologia. Infine, vogliamo sottolineare l’importanza delle lampadine: a fine giornata risultano davvero importanti e il modello di lampadario prescelto influenzerà notevolmente la forma e il tipo di luce di queste.

Vi suggeriamo di utilizzare lampadine a basso consumo. Se è vero che il loro prezzo è leggermente superiore alla media, tenete presente che durano otto volte più a lungo. Inoltre, l’acquisto di questo tipo di lampadine non danneggia l’ambiente, un aspetto che si deve sempre prendere in considerazione!

Guarda anche