Le 5 regole del colore fondamentali dell’interior design

9 Agosto 2019
La progettazione degli interni è un processo complesso, soprattutto per quanto riguarda la scelta dei colori da utilizzare. Per rendervi la vita più semplice, vogliamo condividere con voi le 5 regole del colore che vale la pena conoscere.

Uno dei momenti più delicati nella decorazione di un ambiente è la scelta dei colori. È in questa fase che veniamo assaliti dai dubbi su quali toni si abbinano meglio tra loro e la giusta proporzione che dovranno avere. Per rendervi la vita più semplice, in questo articolo vi spieghiamo le 5 regole del colore dell’interior design che vale la pena conoscere.

Scoprirete che non è così complicato scegliere i colori giusti per ottenere l’aspetto desiderato. Per raggiungere questo obiettivo, dovrete tener conto di alcune linee guida semplici e facili da applicare: le 5 regole del colore.

Le 5 regole del colore fondamentali dell’interior design

Separare gli ambienti

1. La regola 60-30-10, fondamentale nella progettazione d’interni

Non possiamo fare a meno di iniziare con la regola 60-30-10. Questo metodo è così semplice quanto efficace. Di fatto è il più utilizzato nella progettazione di case e uffici. Se non lo conoscete ancora, ve lo spieghiamo qui di seguito.

  • Il 60% della superficie sarà dominato dato da un solo colore. Questo diventerà il tono predominante e protagonista dell’ambiente.
  • Il 30% riguarderà un colore secondario.
  • Il restante 10% interesserà un tono molto diverso agli altri due. Esso dovrà conferire un tocco più deciso all’ambiente e spezzare la monotonia dei precedenti.

Il colore scelto per coprire il 60% dovrà essere neutro. Tenete bene a mente che sarà il tono predominante. Un colore troppo appariscente rischia di sovraccaricare l’ambiente. A meno che non sia l’effetto che volete raggiungere, è meglio scartare questo tipo di tinte.

Per quanto riguarda il 30% della superficie, è il colore che generalmente si utilizza per i mobili e i tessuti. Le tende, i cuscini e i tappeti aggiungeranno un tocco di colore stemperando il protagonismo del colore predominante. Ad ogni modo, questi due, dovranno colori facilmente abbinabili e che non si distacchino troppo l’uno dall’altro.

Infine, il colore scelto per il 10% è quello che serve a creare contrasto. Ha quindi il compito di conferire una scintilla di colore all’ambiente per spezzare con i due precedenti. È perfetto per gli oggetti decorativi, come un dipinto, una lampada ad arco, un fiore o una statuina.

2. Le 5 regole del colore: gli opposti si attraggono

Salotto in bianco e nero

Spesso, nella decorazione d’interni, ci si focalizza su una serie di colori molto simili tra loro. Lo si fa con l’idea di trovare quelli che si abbinano meglio tra loro per creare la massima armonia dell’ambiente.

Tuttavia, nella maggior parte dei casi si ottiene un effetto completamente diverso. Salotti monotoni e noiosi che passano totalmente inosservati.

Perciò, non abbiate paura ad abbinare colori diversi tra loro o che non sembrano compatibili. I colori opposti si attraggono e i risultati sono davvero spettacolari. Alcune delle combinazioni più interessanti, sono le seguenti:

3. Ogni colore trasmette una sensazione

Le 5 regole del colore: le sensazioni
Colori stile Hollywood Regency / luxdeco.com

Nella decorazione degli interni si deve anche tenere conto delle sensazioni che si vogliono trasmettere. Non dimenticate che i colori esprimono le emozioni dello spazio che adornano. Questo è il motivo per cui è necessario sapere bene quali scegliere.

  • Bianco: purezza, luce, spaziosità, pulizia…
  • Nero: prestigio, lusso, distinzione…
  • Giallo: positività, felicità, allegria…
  • Rosa: calore, amore, romanticismo…
  • Verde: relax, freschezza, naturalezza…
  • Blu: tranquillità, armonia, stabilità…

4. Evitare l’ossessione per gli abbinamenti

Decorazione color ocra e verde

Gli amanti dell‘interior design tendono a concentrare i propri sforzi sull’obiettivo di ottenere un ambiente dall’aspetto altamente estetico e attraente. Spesso, sono così focalizzati sul risultato da ottenere, che finiscono per essere ossessionati dall’idea che tutto debba essere abbinato perfettamente.

Questo, ovviamente, non va bene, perché è assolutamente importante inserire degli elementi che spezzino la monotonia. Perciò, vi consigliamo di utilizzare anche oggetti vintage, d’antiquariato, riciclati o di stili decorativi differenti. Il risultato sarà molto più “vero” e piacevole. Altrimenti, si rischia di conferire all’ambiente l’aspetto di uno spazio troppo estetico e perfetto e poco accogliente per la quotidianità.

5. Stampe e texture, l’ultima delle 5 regole del colore

Le 5 regole del colore: texture e stampe
Testiera / claridecor.com

Finora abbiamo parlato dei colori, ma l’interior design si occupa anche di altro. I materiali, le stampe e le texture sono fondamentali nella decorazione di qualsiasi stanza. Attraverso di loro possiamo introdurre lo stesso colore in diversi modi. Il risultato sarà molto più dinamico e meno monotono.

Ad esempio, il colore marrone può essere inserito attraverso il legno, i toni ocra delle pareti e qualche oggetto decorativo in vimini. Pertanto, se applichiamo questo esempio a tutti i colori che introduciamo nella stanza, il risultato sarà meraviglioso.