Lo stagno come risorsa decorativa: ecco 3 esempi

Vi piacerebbe avere uno stagno in giardino? Continuate a leggere perché vi mostreremo tre design davvero interessanti.
 

Lo stagno come risorsa decorativa per il giardino è una scelta molto interessante. Ci sono vari tipi di stagno tra cui scegliere, inoltre bisognerà decidere quali saranno le piante acquatiche e i pesci ideali per questo ecosistema. In questo articolo, parliamo dello stagno come risorsa decorativa.

Quando si progetta questo tipo di costruzione, si consiglia di tenere conto dello stile che prevale nell’ambiente, in modo che sia in armonia con il resto degli elementi decorativi presenti all’esterno.

Tipi di stagno per il vostro giardino

Che ne dite di scoprire le principali caratteristiche dei tre principali tipi di stagno? Allora, cominciamo!

Formale: glamour ed eleganza

Stagno decorativo

L’origine dello stagno formale va ricercata in Grecia, dove è nata la necessità di irrigare il giardino e le colture. Oggi, la funzione di uno stagno formale è semplicemente decorativa, e l’unica funzione che potremmo attribuirgli è quella di arricchire un luogo come il giardino, ideale per rilassarsi all’aperto.

Uno stagno formale deve essere posizionato strategicamente per garantire il massimo equilibrio all’ambiente. Sfruttando le prospettive e partendo da disegni geometrici, questo tipo di stagno si distingue per l’immobilità nelle sue acque.

Gli stagni formali hanno un modo molto particolare di integrarsi nel giardino: lo faranno come uno specchio che rifletterà tutto ciò che li circonda. Ecco perché, in molti casi, queste costruzioni rinunciano alle piante e, se le hanno, sono austere ed eleganti. Inoltre, è necessario posizionarli rispondendo ai criteri di simmetria.

 

Sebbene esistano anche stagni formali ovali o circolari, quando si opta per questo tipo di struttura, di solito viene scelta la forma quadrata o rettangolare. Tenete a mente questo trucco se volete che il vostro stagno abbia quel caratteristico stile classico.

Sopraelevato: effetto di continuità

Stagno con muretto

Questo stagno funziona molto bene come punto focale del giardino e spicca per la bellezza delle sue acque, delle piante e dei pesci, che non smettono di ammaliare lo spettatore. Inoltre, grazie alla loro architettura, possono fungere anche da aree di supporto e di seduta.

Inoltre, questo design protegge i pesci da eventuali predatori e i bambini dalla caduta in acqua anche se, avendo una parete bassa, potrebbe essere una tentazione per loro correrci sopra. Si consiglia di tenere conto di questi due aspetti durante la progettazione.

Nel giardino nel suo insieme, uno stagno sopraelevato serve anche a collegare tra loro delle aree appartenenti a livelli diversi. Ad esempio una serie di terrazze, indipendenti dall’acqua senza movimento, o collegate, in cui l’acqua cade dall’una all’altra e offre un effetto di continuità.

È importante sapere che, se non si desidera avere problemi con il pavimento e la manutenzione, uno stagno sopraelevato è l’ideale poiché non sarà necessario scavare nel terreno per costruirlo.

Stagno circolare: il protagonista del giardino

Laghetto circolare

A differenza degli stagni quadrati e rettangolari, questi stagni sono spesso disposti in modo isolato con fontane o sculture centrali che accentuano l’effetto circolare che domina l’ambiente.

Che si tratti di uno scavato nel terreno o circondato da un muretto, la bellezza ed eleganza di uno stagno circolare può essere accentuata con delle piante ed espandendo il bordo del pavimento. In questo modo, si rafforza la sua integrazione con l’ambiente.

Vale la pena ricordare che uno stagno circolare condizionerà anche gli altri elementi del giardino. La presenza di una piccola piazza, di vasi di fiori, panchine strategicamente disposte e terreni armoniosi attorno, renderà lo stagno l’elemento dominante del paesaggio.

Scegliere le piante per il vostro stagno

Il grado di umidità e la profondità di cui le piante acquatiche hanno bisogno dipenderanno dalle caratteristiche di ciascuna. Ecco alcune piante che si adattano molto bene a questo ecosistema, esteticamente ma anche per la loro sopravvivenza.

  • I giunchi devono essere posizionati nell’acqua, ma a una profondità ridotta; le piante acquatiche che stanno nelle acque profonde devono essere posizionate su pietre o supporti che le aiuteranno a raggiungere la superficie, in modo che possano emergere solo poche foglie.
  • Le piante galleggianti a fogliame, come le ninfee, fuoriescono dall’acqua; mentre le piante a fogliame sommerso saranno ideali per ossigenare lo stagno.
 

Scegliere i pesci

Non esiste stagno che si rispetti senza pesci. Possono essere messi in acqua un po’ di tempo dopo aver riempito lo stagno. Nel caso in cui contenga piante, sarà necessario attendere alcune settimane.

carpa

Prima sarà necessario metterli in un sacchetto con acqua e introdurli a poco a poco. Vale la pena attendere alcuni minuti in modo che possano adattarsi correttamente alla temperatura.

I pesci colorati, come le carpe koi, di origine asiatica, sono ideali per questi ecosistemi poiché tollerano le temperature estreme. Della stessa origine e con caratteristiche simili è lo shubunkin.

Il carassius o il goldfish, di colore rosso, arancione e giallo, è un altro pesce altamente raccomandato per la sua grande resistenza e per i bellissimi colori. Negli stagni di grandi dimensioni può vivere anche la tinca, che vive sul fondo e si nutre degli organismi presenti nel fango.

Come potete vedere, uno stagno darà un tocco di personalità al giardino, un’area esterna che ha bisogno di molte cure ma i cui risultati estetici sono tra i più belli. Che ne dite di provare a mettere uno stagno nel vostro giardino?