I bonsai, bellissimi alberi in miniatura

25 Ottobre 2019
Chi ha detto che gli alberi di piccole dimensioni non sono belli? A dimostrare che non è così ci sono i bonsai, dei piccoli alberi dall'estetica molto particolare.

I bonsai provengono da un’antica tradizione orientale che risale alla Cina dal II secolo a.C. In seguito, fu il Giappone a introdurre in Occidente quest’arte millenaria basata sulla coltivazione di piante in vaso. In questo articolo, parleremo dei bonsai, bellissimi alberi in miniatura.

La parola giapponese bonsai deriva dal termine «bon», che significa vassoio, e «sai», che significa pianta. Il bonsai è un particolare tipo di albero cresciuto in un vaso che, pur mantenendo dimensioni ridotte, è in grado di esprimere una grande bellezza. Vediamo insieme i bonsai, bellissimi alberi in miniatura.

I bonsai, bellissimi alberi in miniatura

Tipi di bonsai

Un bonsai è una pianta legnosa che può essere ottenuta direttamente in natura, a partire da un albero che si desidera riprodurre in scala ridotta. Ma per chi non ne ha mai avuto uno, l’ideale sarebbe acquistare un esemplare già formato in un vivaio.

Per prendersi cura di un bonsai nel modo adeguato, bisogna applicare le giuste tecniche di potatura, annaffiamento e composizione, in modo tale da riprodurre il più possibile le condizioni in cui la specie vivrebbe nel suo habitat naturale.

Dove vanno messi i bonsai?

Bonsai per giardino

Ci sono bonsai che hanno bisogno di stare all’aperto per svilupparsi in modo ottimale e altri che non sopportano il freddo e dovrebbero essere tenuti ​​al riparo. A seconda della specie scelta, è bene sapere se il vostro bonsai si adatta meglio ad un ambiente interno piuttosto che ad un esterno.

Le specie tropicali sono le uniche che dovrebbero essere coltivate al chiuso: ficus, bambù o araucaria sono alcuni esempi.

Bonsai, alberi in miniatura per tutti i gusti

Stili di bonsai

La coltivazione di questi alberi deve cercare di riprodurre il più fedelmente possibile le condizioni naturali in cui si svilupperebbero naturalmente: tronchi inclinati in cerca di luce, posture estreme dovute al vento, sagome irrigidite dal sole…

Queste condizioni hanno dato origine ai diversi stili di bonsai, che attualmente sono più di 30. Alcuni degli stili più rappresentativi di bonsai sono:

  • Yose-ue o a boschetto: è il nome dato ad un gruppo di bonsai che ricorda il paesaggio naturale.
  • Kengai e Han-Kengai o cascata o semi-cascata: questi bonsai rappresentano gli alberi che crescono tra le rocce di una montagna ripida e cadono verticalmente per il loro stesso peso.
  • Fukinagashi o inclinato dal vento: il bonsai appare inclinato da forti venti che soffiano nella stessa direzione.
  • Shakan o inclinato: è un bonsai inclinato che ha rami solo nella direzione in cui il tronco è attorcigliato.
  • Chokkan o eretto formale: è un bonsai che cresce dritto, come se la natura gli avesse dato un posto privilegiato.

Se avete una passione per la coltivazione del bonsai, non lasciatevi ossessionare dallo stile: infatti, non esistono due bonsai uguali e la loro forma varia a seconda del tipo e della specie. Ad ogni modo, potete plasmarlo seguendo la vostra ispirazione.

Come piantare un bonsai

Come prendersi cura dei bonsai, alberi in miniatura

Per piantare un bonsai, è necessario scegliere un albero di origine che si riproduce bene una volta tagliato, come ad esempio il pioppo, il salice o la betulla.

Come prima cosa, bisogna imparare a tagliare le radici: questo è sicuramente un buon metodo per iniziare a coltivare un bonsai. Un campione può essere ottenuto da uno stelo verde all’inizio dell’estate o da uno stelo legnoso in autunno. Prendete in considerazione i seguenti passaggi per evitare errori:

  1. Rimuovere alcune foglie dal taglio, allargare la base negli ormoni e avvolgerla nell’argilla.
  2. Formare una palla e seppellirla in un buon substrato, proteggere le talee dal sole e dal vento e umidificarla. Per fare questo, spruzzare dell’acqua con frequenza.

Tuttavia, è importante ricordare che non tutte le specie rispondono allo stesso modo a questo trattamento. Ad esempio, la maggior parte delle conifere lo respinge. Quindi, documentatevi bene e cercate di capire quali sono le specie più adatte da piantare usando questo metodo.