Comò: 6 consigli per scegliere il più adatto

· 26 luglio 2018
Scegliere il comò più adeguato permette di organizzare al meglio lo spazio in casa. Anche in stanze diverse dalla camera da letto.

Scegliere il comò più adatto non è difficile se tenete a mente questi sei consigli che vi daremo di seguito.

Si tratta di una scelta importante, come del resto lo è la selezione di ogni altro mobile. Però lo è ancora di più quando si tratta di scegliere uno spazio per conservare oggetti.

A tutti piace avere una casa in ordine e per farlo è indispensabile avere un posto per conservare di tutto, dal cibo fino ai vestiti, passando dai prodotti per l’igiene e gli accessori del bagno.

Da qui deriva l’importanza di scegliere i mobili che non abbiano solo una funzione decorativa ma che ci aiutino a contenere tutto quello che serve. Uno dei mobili che, senza dubbio, non deve mancare in una casa è il comò.

Cosa sono i comò?

Prima di darvi i nostri consigli per scegliere il modello ideale è importante chiarire cosa sia un comò.

In primo luogo, come è evidente, si tratta di un mobile con cassettoni che, di solito, si usa per conservare i vestiti, gli accessori e altri oggetti.

In secondo luogo è opportuno realizzare una distinzione tra comò e chiffonnier. Si tratta di mobili molto simili i cui termini si usano indistintamente per definire l’uno o l’altro, a volte come sinonimi. Eppure sono diversi.

La differenza sta principalmente nelle dimensioni

Mentre i comò sono larghi ma non molto alti, gli chiffonnier sono più alti che larghi. E sono per questo motivo, l’ideale per le stanze poco spaziose.

Chiffonier in bianco

Quindi, fatte le dovute premesse, passiamo ai consigli su come scegliere il comò ideale.

Come scegliere il comò ideale: 6 consigli basilari

1. Dove metterlo

Come tutti i mobili della casa, il comò ha un posto specifico dove essere collocato. Questo non significa che non potete spostarlo dopo, però è indispensabile chiedersi in quale stanza serve e per cosa usarlo.

Di solito i comò si trovano in:

  • Stanza da letto principale: dà eleganza e offre una superficie da decorare con vasi e fiori o con dei portafoto.
  • Stanza dei bambini.
  • Sala da pranzo o cucina: questo tipo di mobile è perfetto in sala da pranzo o in cucina dal momento che la sua funzione può variare a seconda dei gusti. Può essere il luogo perfetto per conservare le stoviglie, le tovaglie e anche essere usato come un perfetto minibar.
  • Salotto: la vera sciccheria è mettere in salotto un comò grande, vistoso e spazioso. In questo modo rappresenta un elemento decorativo in più. Inoltre è possibile impreziosirlo collocandoci sopra una lampada.

Non è mai superfluo ricordare che è importante tenere in considerazione lo spazio a disposizione per posizionare il comò. Ricordate non deve sovraccaricare lo spazio.

2. Dimensioni e forma

Attenzione anche alla scelta delle dimensioni e del formato adatto. Come già ricordato, questo mobile si caratterizza per il fatto di essere più largo che alto.

Di solito ha una sola fila di cassettoni che, quasi sempre, hanno due pomelli. Questo è il formato tradizionale, anche se il mercato offre un ampio ventaglio di possibilità.

Le più moderne sono caratterizzate da un design attraente e, a volte, quasi surreale. Se vi sentite intrepidi, osate e cercate un comò dal design innovativo che esca dagli schemi.

Il luogo in cui sarà posizionato influisce sulle sue dimensioni, per esempio, ci sono comò per bambini che hanno una dimensione inferiore a quella abituale.

3. Il colore

Il colore dipende principalmente dalla scala cromatica già presente nella stanza in cui verrà collocato.

Per quanto riguarda questo aspetto, nessun problema: ci sono comò di tutti i colori. Dai più comuni fino alle combinazioni più eccentriche e moderne.

Un’altra possibilità è acquistare un comò d’epoca e restaurarlo.

Comò antico restaurato

Una delle tendenze che meglio si adattano alla decorazione del comò è quella di dipingerne uno antico con un colore acceso lasciando gli spigoli scrostati. Ne esistono anche con i cassetti di colori diversi.

Il colore rappresenta uno degli elementi di varietà con cui sbizzarrirsi al momento della scelta.

4. Il materiale

Scegliere il comò ideale dipende anche dal tipo di materiale.

  • Legno: è la soluzione classica. Anche la più solida e duratura, se si tratta di un buon legno.
  • Di metallo: hanno un aspetto industriale, ricordano i lockers o armadietti che si trovano negli uffici e conferiscono un aspetto squadrato e grezzo.
  • MDF Laccato: è un materiale più leggero e imita il legno. Si può trovare in tanti colori.
  • Combinazioni di materiali.
  • Vimini: sì, esistono anche i comò in vimini e sono perfetti per le case delle vacanze, al mare o in campagna.

5. Stile

Esistono tanti stili per i comò come esistono generi d’arredamento. La migliore soluzione per scegliere il comò è identificare quale stile caratterizza la stanza in cui verrà posizionato.

Ne esistono in stile nordico, industriale, rustico, vintage o classico.

Comò consigli per scegliere il più adatto

6. Dove comprare

Oggi esistono molti showroom dove acquistare mobili per la casa. È una buona idea visitare anche questi posti perché ci danno una misura delle possibilità di quello che si può trovare sul mercato. Ma noi vi suggeriamo di provare a comprare su internet.

Ci sono molti negozi online che vendono vere e proprie perle, molte di queste in edizione limitate o persino su misura.

Un’altra delle opzioni che preferiamo è visitare i mercatini delle pulci o i negozi di seconda mano. Specie se state cercando dei mobili vintage da restaurare.

Conclusioni

Come abbiamo appena visto, scegliere il comò adeguato non è difficile se teniamo a mente alcuni aspetti, dal luogo in cui collocarlo, lo stile e le dimensioni.

È un mobile imprescindibile che inoltre arreda e si presta a molti usi.